Estate in città – All’aria aperta

La scena si ripete ogni anno sempre uguale. Un uomo stipa la macchina di pacchi e valigie, mentre la moglie rincorre i figli e il cane per chiudere la casa. Un gruppetto di ragazzi aspetta il treno per l’interrail con un ingombrante zaino in spalla. Una coppia di fidanzatini si avvia verso l’aeroporto, biglietto alla mano, in attesa di partire per qualche località esotica.

Già, ma chi resta? Sempre più spesso capita di rimanere incastrati in città, chi per lavoro, chi per sostenere un esame all’ultimo appello disponibile, chi per scongiurare un debito a settembre. Come affrontare dunque la calura estiva?

piscina_crema_01Il Centro Natatorio “Nino Bellini”, in via Indipendenza, ha pensato a quanti saranno costretti a rinunciare alle vacanze, organizzando per i mesi estivi un’intensa attività di corsi (Acqua Zumba, Hydrobike, Acquacombact solo per citarne alcuni) e animazioni adatte a tutte le età. Il Centro è infatti dotato di due piscine olimpioniche, rispettivamente di 50 e 25 metri, oltre alla vasca baby per i bambini, impreziosita da un galeone, da attrezzature per il gioco della battaglia dell’acqua e da uno scivolo a spirale per tuffi vertiginosi. Ma l’attrazione principale è sicuramente la vasca a onde: con la sua acqua cristallina e la sabbia bianchissima sembra richiamare una placida spiaggia caraibica, ma in pochi secondi è capace di animarsi con onde vorticose, per il divertimento (non solo) dei più piccoli. E dopo i bagni e i giochi d’acqua, si può approfittare dell’ampia area verde intorno alle piscine, attrezzata con tavoli e panche, per organizzare un piacevole pic-nic in compagnia o semplicemente per rilassarsi al sole.

crema-vicolo-romeroChi invece cerca un po’ di fresco all’ombra di piante secolari, può dirigersi verso il Campo di Marte  e i Giardini di Porta Serio. I due polmoni verdi di Crema, a pochi passi dal centro cittadino e dalle vie dello struscio pomeridiano, regalano un’evasione dall’ufficio o dallo studio in biblioteca, e invitano a godersi un buon gelato prima di riprendere lo shopping tra le numerose vetrine del centro.

Spostandosi in una zona più periferica c’è poi il Parco Bonaldi, oasi dei quartieri Ombriano e Sabbioni. Un ampio spazio verde curato e tranquillo, ideale per una pausa dagli impegni e dal trambusto quotidiano, magari in compagnia di un buon libro. Dotato di giochi per bambini, attrezzature sportive per mantenersi in forma, tappeti elastici e di un campo da beach volley, il Parco è la cornice perfetta per un pomeriggio di relax o per un’uscita con gli amici.

In chiusura, un consiglio per il weekend. Per quelli che non amano la confusione della piscina e vogliono risparmiare il costo dell’ingresso, ma che non rinunciano al piacere ristoratore di un buon bagno, il suggerimento è quello di armarsi di bicicletta e partire alla scoperta dei fontanili di cui il territorio cremasco è ricco. Si tratta di sorgenti d’acqua dolce e freddissima, che sgorga direttamente dal terreno, segno di antichissimi interventi idraulici tipici di questo territorio: una risorsa preziosa per l’agricoltura e per gli aspiranti bagnanti del cremasco. Tra i tanti fontanili, vale la pena visitare quelli di Cremosano e di Capralba, oasi di pace e di tranquillità immerse nella natura rigogliosa della campagna padana.
Da vivere da soli o in compagnia.